Fine settimana

‚Äč
E' quasi sempre durante i fine settimana che riesco a correre fuori da solo ed a rubare momenti come questo, senza molta preparazione, spesso con lo smartphone perché la vera attrezzatura fotografica è sempre da un’altra parte. 
Io li chiamo i miei momenti di "low technology". 

In poco più di un anno questa idea ha preso piede concretamente, ha preso forma in un progetto vero e proprio, fino a chiamarsi Strade lontane. 

Esse non sono veramente lontane come distanza, anzi sono sempre sotto gli occhi di tutti, ma diventano lontane perché attraverso la fotografia io le vedo irreali, sfumate, quasi come in un sogno dove la fantasia è più tangibile della realtà. 

Finora ho raccolto poco più di 40 scatti ed era mia intenzione poterne fare una selezione entro l'anno da poter esporre "da qualche parte".

Sei di esse sono stati selezionate (un click sulla foto vi aprirà una pagina apposita) e sono esposte alla seconda edizione della Biennale Internazionale d'Arte dei Castelli Romani che si tiene nella Sala delle Armi di Palazzo Ruspoli di Nemi dal 27 Maggio al 23 Luglio.

Se siete arrivati fin qui molto probabilmente i vostri passi vi hanno condotto su una di queste strade.
In questo mondo adesso ci siete anche voi.

 

 

It is almost always on the weekends that I can go out alone and steal moments like this, without much preparation, often with the smartphone because the true photographic equipment is always in another place.

I call them moments of "low technology".

In just over a year this idea became a concrete step, has taken shape in a real project, until it is called Strade lontane.

They are not really distant from distance, they are always in the eyes of everyone, but they are far apart because through photography I see them unreal, blurred, almost like in a dream where fantasy is more tangible than reality.

So far, I have picked up just over 40 shots and I was planning to make a selection by the end of the year to be able to exhibit them "somewhere".

Six of them have been selected (one click on the picture will open a special page) and are exhibited at the 2nd edition of the Biennale Internazionale d'Arte dei Castelli Romani held in the Palazzo Ruspoli of Nemi, Sala delle Armi, from 27 May to 23 July.

If you've come up so far, your steps have probably led you to one of these streets.
In this world, now, there are also you.

 

Strade lontane

La serie completa

Il drago e la luna rossa

Piccole storie di Roma

La conversazione

Il senza colore

Qualcosa di personale

Sono nato a Catania nel 1960, ma ho vissuto la mia infanzia in provincia di Latina. Adesso vivo a Roma. La fotografia è un hobby che ho avuto fin da piccolo, praticata in maniera “selvaggia” ossia senza grandi nozioni di base, guardandomi attorno e passando ore e ore a sviluppare e stampare nella mia camera, ascoltando musica. 

Mi piacciono le foto a colori ma non troppo colorate. Dico spesso che una bella foto in bianco e nero è una foto a colori mal riuscita. Adoro gli spazi vuoti e silenziosi e spesso, usando lunghe esposizioni elimino la gente che vi appare oppure la confondo con una doppia esposizione.

La fotografia mi piace per la sua immediatezza, perché rispecchia una realtà. Una foto racconta sempre una storia. La mia, la tua, o quella del mondo.

 

 

I was born in Catania in 1960, but I lived my childhood in the province of Latina. Now I live in Rome. Photography is a hobby that I had since I was young, practiced in a wild way, without great basic knowledge, looking around and spending hours and hours developing and printing in my room listening to music.

I like color photos but not too colorful. I often say that a beautiful black and white photo is an unsuccessful color picture. I love empty and silent spaces and often, using long exposures, I remove the people who appear there or confuse them with a double exposure.

I like photography because of its immediacy, because it reflects a reality. A photo always tells a story. Mine, your, or that one of the world.